Informazioni +39 049 7923211

Leucemie e tumori solidi

Alfredo Alberti

Il nostro gruppo di ricerca è attualmente impegnato nella definizione dei meccanismi patogenetici e delle conseguenze cliniche dalla epatite da virus C (HCV) con particolare riferimento ai nuovi scenari di questa patologia, derivati dalla recente introduzione nella pratica clinica dei nuovi antivirali ad azione diretta. Questi studi si avvalgono anche di una innovativa piattaforma Web (la piattaforma NAVIGATORE) che sin dal 2015 raccoglie prospetticamente i dati di tutti i pazienti con epatite C trattati con questi farmaci nella Regione del Veneto e ne valuta gli outcome clinici a medio-lungo termine dopo la eradicazione del virus.
Un’altra patologia di nostro interesse è rappresentata dai tumori dell’esofago, in continuo aumento negli anni più recenti. Le nostre ricerche, che si avvalgono anche di modelli animali e di materiale clinico ottenuto in diversi stadi pre-neoplastici e neoplastici, sono coordinate dal Stefano Realdon, ricercatore e gastroenterologo dell’ Istituto Oncologico Veneto (IOV) e sono volte a definirne i meccanismi patogenetici, soprattutto di tipo metabolico , con interesse anche al ruolo della dieta e di diversi stili alimentari.

Barbara Molon

Il cancro è una delle principali cause di morte nel mondo con un enorme impatto socio-economico. Un sistema immunitario competente può riconoscere ed eliminare le cellule neoplastiche. Tuttavia, i tumori attuano molteplici meccanismi per sfuggire al controllo della nostra risposta immunitaria, stabilendo così uno stato di “tolleranza immunologica”.
L’immunoterapia dei tumori rappresenta oggi un innovativo approccio per il trattamento di alcuni tipi di tumore.
Una delle maggiori sfide in questo settore è pertanto quella di individuare e chiarire quali sono i meccanismi specifici che determinano l’immunosoppressione che si associa alla progressione neoplastica al fine di eliminarla e favorire così la risposta immunitaria contro il tumore.
Il mio gruppo di ricerca raccoglie questa sfida esplorando un’area innovativa dell’immunologia dei tumori.

Francesco Piazza

La ricerca svolta nel nostro laboratorio è principalmente mirata a studiare la patogenesi del mieloma multiplo e dei linfomi non Hodgkin, due tra le più frequenti e aggressive neoplasie delle cellule del sangue. In particolare, ci occupiamo di capire per mezzo di quali meccanismi le cellule di mieloma e di linfoma possano crescere senza limiti e resistere alla morte. Abbiamo identificato nuove proteine importanti per questi processi patologici: le protein chinasi GSK3, CK1 e CK2 ed enzimi appartenenti alla famiglia delle GTPasi. Queste proteine conferiscono capacità di resistenza a vari tipi di stress (per esempio autofagico, da danno al DNA, da accumulo di proteine tossiche, da chemioterapia), regolano i processi oncogenici sia intrinseci delle cellule tumorali sia derivanti dal contatto con il microambiente circostante, rappresentato dal midollo osseo e dagli organi linfatici. Il laboratorio, inoltre, si occupa di analizzare il ruolo di queste proteine durante il normale sviluppo delle cellule emolinfopoietiche. Le conoscenze ottenute dalla nostra sperimentazione potranno essere utilizzate per mettere a punto nuove terapie più efficaci contro il mieloma multiplo e i linfomi non Hodgkin.

Luca Scorrano

Ogni secondo, nel nostro corpo muoiono di una morte silenziosa che si chiama “apoptosi” circa 800 mila cellule. Queste cellule morte vengono rapidamente eliminate dal nostro organismo per essere sostituite con nuove cellule. Nella maggior parte delle malattie dell’invecchiamento, l’apoptosi è difettosa: troppa, come nel caso delle malattie neurodegenerative (p. es. Parkinson e Alzheimer), o troppo poca, come nel caso dei tumori.
L’apoptosi è orchestrata dai mitocondri, le centrali energetiche della cellula, che funzionano come da interruttore per dire alla cellula quando è il momento di terminare la propria vita. Il nostro laboratorio negli scorsi 15 anni ha scoperto come i cambiamenti della forma di queste centrali energetiche sia fondamentale per inviare i giusti segnali di vita e di morte alla cellula.
Usando raffinate indagini genetiche, di microscopia e funzionali, studiamo il ruolo della forma dei mitocondri nelle malattie neurodegenerative, nei tumori, nel diabete e nelle malattie cardiovascolari. Il nostro laboratorio mira così a identificare nuovi farmaci che correggendo i cambiamenti della forma mitocondriale, contrastino queste malattie e stimolino un invecchiamento in salute.

Gianpietro Semenzato

La ricerca di cui si occupa il mio gruppo riguarda le leucemie, soprattutto quelle sostenute dai linfociti T, B e Natural Killer, cioè dalle stesse cellule che dovrebbero difendere l’organismo e che invece si trasformano in cellule maligne.
Negli ultimi anni, i nostri studi si sono focalizzati sia sull’analisi di ciò che cambia all’interno della cellula tumorale che sull’ambiente che circonda le cellule maligne, con lo scopo di identificare nuove molecole e nuovi farmaci in grado di aggredire in maniera definitiva le leucemie.
Abbiamo così scoperto che alcune proteine, come la proteina Lyn, presenti anche nei linfociti sani, nelle cellule trasformate vengono spesso prodotte in quantità abnormi, conferendo al tumore la capacità di resistere alla morte e all’azione dei farmaci anti-tumorali. Altre proteine, invece, come la proteina STAT3, subiscono delle mutazioni, dei cambiamenti che le rendono malfunzionanti, provocando nella cellula danni che contribuiscono sia alla trasformazione tumorale sia all’aumento dell’aggressività della leucemia.
Anche l’ambiente in cui le cellule leucemiche vivono spesso si modifica per aiutarle, attraverso uno scambio di sostanze che accresce il numero di cellule tumorali e costruendo delle vere e proprie nicchie all’interno delle quali le cellule leucemiche si raccolgono dove i farmaci anti-leucemici non riescono ad entrare.

Andrea Alimonti

La ricerca nel nostro laboratorio si concentra principalmente sulla caratterizzazione della senescenza indotta dalla perdita di PTEN nel tumore della prostata con particolare attenzione all’individuazione di nuovi approcci terapeutici nel trattamento di questa patologia. Il cancro alla prostata (PCa) è una delle principali cause di morte per cancro tra la popolazione maschile e la perdita di PTEN, osservata fino al 70% dei casi clinici, è correlata con una prognosi peggiore.
La perdita di PTEN induce, nelle prime fasi della tumorigenesi, un particolare tipo di senescenza, denominata senescenza cellulare indotta dalla perdita di PTEN (PICS). Tuttavia le cellule tumorali possono evadere dalla senescenza determinando lo sviluppo di un tumore aggressivo. Il nostro obiettivo è quindi quello di identificare nuovi attivatori della senescenza coinvolti nella modulazione della PICS.
Anche se la senescenza limita la tumorigenesi in vivo, é importante sottolineare che, è stato osservato come l’accumulo prolungato di cellule tumorali senescenti abbia un impatto negativo sul microambiente tumorale consentendo la progressione del cancro. Un altro importante obiettivo del nostro laboratorio è quindi quello di identificare nuovi composti in grado di eliminare selettivamente le cellule tumorali senescenti e di attuare, in tandem, un “approccio pro-senescenza” seguito da “terapia senolitica”.

Stai facendo una donazione a : Fondazione Ricerca Biomedica Avanzata

Quanto vorresti donare?
€20 €50 €100
Volete fare donazioni regolarmente? Mi piacerebbe fare donazioni
Quante volte ti piacerebbe che si ripetesse? (incluso questo pagamento) *
Nome *
Cognome *
Email *
Telefono
Indirizzo
Nota aggiuntiva
Loading...